fbpx

Come procedere con l’analisi economico-finanziaria? 

L’analisi economico-finanziaria è una attività di analisi storica e prospettica dei bilanci e delle situazioni contabili finalizzate alla puntuale ricostruzione della situazione economica, finanziaria e patrimoniale e del relativo score statistico sulla capacità di generare un adeguato flusso di cassa e sostenibilità.

Qual è la fonte dell’analisi economico-finanziaria?

L’analisi economico-finanziaria mette a disposizione dei destinatari un set informativo omogeneo e robusto, utilizzabile per procedere, in modo coerente e lineare. Fonte fondamentale per l’analisi economico-finanziaria è il bilancio (d’esercizio e consolidato), inteso come documento informativo aziendale, costituito dallo stato patrimoniale, conto economico, rendiconto finanziario e nota integrativa, e corredato dalla relazione sulla gestione, dalla relazione del collegio sindacale e dalla relazione dei revisori.

L’ obiettivo principale dell’analisi è di verificare, sia ex post che ex ante, la capacità della gestione aziendale di generare un adeguato flusso di cassa. Quest’ultimo deve essere tale da garantire una crescita economica coerente con gli obiettivi strategici – equilibrio economico- e la piena sostenibilità finanziaria – equilibrio finanziario – .

La procedura di analisi economico-finanziaria deve rispettare i seguenti standard metodologici:

  • differenziazione per forma giuridica del soggetto, dimensione, settore merceologico, area geografica, tipologia di bilancio;
  • calcolo dei principali indicatori economico-finanziari per bilanci storici e prospettici evitando cambiamenti delle voci contabili utilizzate tra un anno e l’altro.
  • ottica rivolta alla realizzazione di indicatori prudenziali in grado di fornire una misura predittiva del profilo di rischio economico-finanziario.

Lo schema di analisi va diviso in macro-aree che consentono di analizzare i seguenti aspetti di gestione aziendale:

crescita economica, con riferimento alle prospettive del settore merceologico di riferimento;
volatilità dei flussi  economici e finanziari 
struttura operativa ed  efficienza generale
autofinanaziamento, redditività e qualità degli utili
sostenibilità del servizio del debito e del carico erariale
struttura finanziaria, intesa come livello di capitalizzazione effettivo e di composizione temporale del debito
equilibrio finanziario e liquidità.

L’obiettivo finale è la verifica ex ante della sostenibilità economico-finanziaria in rapporto agli investimenti previsti e alla struttura del debito della società in un ragionevole orizzonte temporale (di norma 3/5 anni) anche attraverso la produzione di indici sintetici, che analizzano in maniera prospettica, la crescita aziendale.

Per approfondire:

Indicatori crisi aziendale – parte I: come procedere!

Se vuoi ricevere una consulenza scrivici qui:


Accetto* Termini e Condizioni

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *