fbpx

Cambiamenti in corso: nomina del revisore contabile

Lo scorso 16 marzo 2019 è entrata in vigore la nuova previsione contenuta nell’articolo 379 del D.Lgs. 14/2019 che sono intervenute a modificare l’articolo 2477 cod. civ., disposizione
che regolamenta l’obbligo di istituzione dell’organo di controllo nelle società. Mentre prima, l’obbligo di nomina ricorreva quando la società sforava i limiti per l’utilizzo del bilancio in forma abbreviata, oggi vengono individuati dei parametri del tutto autonomi da quelli riguardanti la scelta della forma di bilancio.

L’articolo 379, comma 3, D.Lgs. 14/2019 contiene una disciplina transitoria e dispone quanto
segue: “Le società a responsabilità limitata e le società cooperative costituite alla data di entrata in vigore del presente articolo, quando ricorrono i requisiti di cui al comma 1, devono provvedere a nominare gli organi di controllo o il revisore e, se necessario, ad uniformare l’atto costitutivo e lo statuto alle disposizioni di cui al predetto comma entro nove mesi dalla predetta data. Fino alla scadenza del termine, le previgenti disposizioni dell’atto costitutivo e dello statuto conservano la loro efficacia. “

Il primo elemento da segnalare è il fatto che, per valutare l’applicazione delle nuove previsioni
in sede di prima applicazione, occorre osservare i bilanci 2017 e 2018, quindi di fatto il
problema si pone immediatamente.

Il punto centrale è però il rinvio di 9 mesi, che pone la scadenza degli adempimenti al 16
dicembre 2019. Proprio su questo punto occorre proporre un’osservazione: non pare affatto scontato che la formulazione normativa riportata consenta di rinviare a dicembre la nomina del revisore, ma piuttosto parrebbe riferirsi solo alla necessità dell’adeguamento dello statuto e dell’atto costitutivo.
Letteralmente, infatti, la previsione pare divisa in due parti autonome e, si potrebbe
concludere, il differimento contenuto al termine del periodo in commento dovrebbe riguardare
solo l’adeguamento degli statuti e non la nomina del sindaco o del revisore.

Va segnalato che, a commento dell’articolo 379, la relazione accompagnatoria al D.Lgs.
14/2019 afferma: “Il comma 3, sulla base di un’osservazione della II Commissione (Giustizia) della Camera, fissa in nove mesi il termine entro il quale le società interessate all’intervento dovranno provvedere alla compiuta costituzione degli organi di controllo. Un termine più ampio non garantirebbe il pieno funzionamento degli organi alla data di entrata in vigore della riforma e, soprattutto, dei sistemi di allerta.

 

Clicca qui per ricevere un check up gratuito!

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *